Skip to content

Avvocato Maurizio Storti

 

Annunci


Giustizia map offre informazioni sugli uffici della giustizia dell’intero territorio nazionale. La nuova geografia giudiziaria sul sito del Ministero. [link]
 
 
 

Il 2.4.2014 è stato pubblicato sulla G.U. n. 77/2014 il “Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense” DM 55/2014 del 10.3.2014 [scarica il file].
  
 
 

Dal settembre 2011 le notizie vengono girate anche su twitter.

 
You are here: Home arrow Archivio notizie arrow Mediaconciliazione: sollevata la questione di legittimità costituzionale
Mediaconciliazione: sollevata la questione di legittimità costituzionale PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
mercoledì 13 aprile 2011

Per il TAR del Lazio, investito della questione "media-conciliazione", è rilevante e non manifestamente infondata, in relazione agli artt. 24 e 77 della Costituzione, la questione di legittimità costituzionale degli articoli:

- 5 del d. lgs. n. 28 del 2010, comma 1, primo periodo (che introduce a carico di chi intende esercitare in giudizio un’azione relativa alle controversie nelle materie espressamente elencate l’obbligo del previo esperimento del procedimento di mediazione), secondo periodo (che prevede che l’esperimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale), terzo periodo (che dispone che l’improcedibilità deve essere eccepita dal convenuto o rilevata d’ufficio dal giudice);
- 16 del d. lgs. n. 28 del 2010, comma 1, laddove dispone che abilitati a costituire organismi deputati, su istanza della parte interessata, a gestire il procedimento di mediazione sono gli enti pubblici e privati, che diano garanzie di serietà ed efficienza.

Il Tribunale amministrativo (sez. I), titolare dei procedimenti riuniti nn. 10937 e 11235 del 2010, con conpiute e pregevoli argomentazioni fomulate nell'ordinanza del 12 aprile scorso, ha evidenziato le pecche dell'instaurata media-conciliazione.
In particolare, dopo aver egregiamente riassunto il completo quadro giuridico della materia, chiarisce subito il vero intento della direttiva 21.5.2008 n. 2008/52/CE: ossia quello di regolare, con la mediazione, le controversie transfontaliere. Nei successivi 'Considerando', poi, la stessa direttiva lascia comunque spazio ai singoli stati di estendere la mediazione anche ai procedimenti interni.
Gli stessi, rileva però il TAR, devono essere disciplinati da normativa primaria. A tal punto il Collegio "non rinviene nella legge delega alcun elemento che consenta di ritenere che la regolamentazione della materia andasse effettuata nei sensi prescelti dalle prime tre previsioni dell'art. 5 del d.lgs n. 28/2010". E ciò perchè: 
a) l'art. 60 della L. 69/09 non assume l'effetto deflattivo del contenzioso giurisdizionale, configurando l'istituto della mediazione quale fase pre-processuale obbligatoria;
b) quand'anche l'art. 60 si ponga l'intento recettivo della direttiva n. 2008/52/CE, il silenzio del legislatore delegante sulle scelte effettuate dal governo non ha, e non può avere, il significato di assentire la meccanica introduzione nell'ordinamento statale delle opzioni comunitarie che, rispetto al diritto di difesa come scoplito dall'art. 24 Cost., appaiono le più estreme (come la prescrizione di diritto per talune materie, la predisposizione della massima sanzione per il suo eventuale inadempimento).

Non trascura poi, il giudice amministrativo, la stessa incoerenza normativa di cui si discute allorquando viene richiamata (sempre dall'art. 60 L. 69/09) la disciplina ex d.lgs. 17.1.2003 n. 5 (norma ora abrogata proprio dall'art. 23 del d.lgs 28/2010).
In effetti in quella sede (preso a modello e valorizzato dalla legge delega del 2009) si versa(va) in un ambito delineato da norme di fonte privata (contratto o statuto sociale). Non solo: con un altro momento volontario e privato, e non in forza cogente alla legge, si rileva(va) la sussistenza di una clausola conciliativa il cui effetto non comporta(va) l'estinzione per improcedibilità ma, diversamente, la sospensione del giudizio già interposto.  

Con buona pace (Consulta permettendo) degli intervenuti ad opponendum -fra tutti l'Associazione Italiana dei Dottori Commercialisti-, che tanto interesse hanno mostrato nell'attuazione di questa scriteriata media-conciliazione.

 
< Prec.   Pros. >

Proverbio/massima/motto

"Iniziare un litigio è come aprire una diga, prima che la lite si esasperi, troncala" (Proverbi 17,14) 

"Con due righe scritte da un uomo si può fare un processo al più innocente" (Armand Jean du Plessis, Cardinale e Duca di Richelieu)

"Anche se non temo Dio e non ho rispetto di nessuno, poiché questa vedova è così molesta, le farò giustizia, perché non venga continuamente a importunarmi" (Luca 18, 1-8)

"Figlioli miei, vi scrivo queste cose perché non pecchiate; ma se qualcuno ha peccato, abbiamo un avvocato presso il Padre: Gesù Cristo giusto. (Dalla prima lettera di San Giovanni Apostolo - 2, 1-2)

"Lo Studio si impegna ad offrire all'Assistito il miglior rapporto possibile con il Tribunale: non facendoglielo vedere"

"L’errore giudiziario non esiste, giacché è la giustizia stessa a costituire il colpevole come tale." 

"L'azione a tutela del diritto costituisce momento essenziale di un ordinamento perché solo per essa si può parlare di giuridicità dell'ordinamento. Se un diritto non è tutelabile, non è un diritto." (Corte di Cassazione, sez. Unite Civili 16 febbraio 2016, n. 2951)

 

Statistiche

Utenti: 10301
Notizie: 158
Collegamenti web: 17
Visitatori: 1925456
[+]
  • Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Auto width resolution
  • Increase font size
  • Decrease font size
  • Default font size