Non Ŕ l'insegnante ma la scuola a dover pagare per gli eventuali danni subiti dall'alunno
Scritto da Administrator   
mercoledý 05 ottobre 2011

La Corte dei Conti della Sicilia - sezione giurisdizionale - ha assolto l'insegnate benché la scuola era stata condannata al risarcimento dei danni.

Con la sentenza 2470/2011 i giudici contabili hanno rilevato che, nel giudizio erariale, occorra determinare quanto del rischio dell'attività svolta dal pubblico dipendente debba restare a carico dell'apparato amministrativo di cui fa parte e quanto a carico dello stesso. Nel caso di specie, il docente era stato destinato ad un evento musicale dovendo (pur nell'orario di lezione) gestire un gruppo numeroso di studenti. Ebbene l'amministrazione che usufruisca del servizio dell'insegnante per attività extracurriculari non può, parallelamente, assegnare allo stesso anche le relative responsabilità (esempio di sorveglianza) sugli alunni.

La sentenza in commento si inserisce nel quadro sensibile delle carenze di bilancio delle scuole le quali, spesso, sono costrette ad incaricare i docenti di più funzioni, contemporaneamente.